The Ballad Of Peggy Grover - versi extra

versi extra presenti nella versione originale non editata
[fonte: bootleg recording]


Can't ride my broom no more
Can't ride my broom no more
'Cause the landlady's taken to sweepin' the floor
I guess I'll go back to my place
And occupy a little space
John Doe
Whoa no, don't pity me babe
I know I'm alright
Whoa yeah, I'm alright

The streets are crammed, can't walk
Might find somebody and talk
I can't find nobody who say boo
Guess who
'Cause that street is paved with airs
And everybody's puttin' on theirs
Can't breathe
Whoa no, don't pity me babe
I know I'm alright
Whoa yeah, I'm alright

He's standin' outside my door
He's standin' outside my door
But he won't ring the bell and he's just too scared to knock
And he's puzzled and he's young
And he's doin' what's already been done
One more
Whoa no, don't pity me babe
I know I'm alright
Whoa yeah, I'm alright
Whoa no, don't pity me babe
I know I'm alright


* * * *

Non posso più cavalcare la mia scopa
Non posso più cavalcare la mia scopa
Perché la padrona si è messa a spazzare il pavimento
Immagino che tornerò a casa mia
E occuperò un piccolo spazio
John Doe[1]
Whoa no, non compatirmi baby
So di essere a posto
Whoa yeah, sono a posto

Le strade sono stipate, non si cammina
Potrei trovare qualcuno e parlare
Non riesco a trovare nessuno che dica boo
Indovina chi
Perché quella strada è lastricata di arie
E tutti quanti se ne danno
Non si respira
Whoa no, non compatirmi baby
So di essere a posto
Whoa yeah, sono a posto

Lui sta fuori dalla mia porta
Lui sta fuori dalla mia porta
Ma non suonerà il campanello ed è troppo spaventato per bussare
Ed è perplesso e giovane
E sta facendo quel che è già stato fatto
Ancora uno
Whoa no, non compatirmi baby
So di essere a posto
Whoa yeah, sono a posto
Whoa no, non compatirmi baby
So di essere a posto


[1] “John Doe” è un nome che si dà ai cadaveri non identificati e che, nel linguaggio comune, si lega all'esigenza di rimanere anonimi.